Mercedes GLC 220

La suv che ha preso il posto della squadrata GLK ha uno stile completamente diverso, molto più filante e moderno: la Mercedes GLC somiglia parecchio alla recente wagon C SW. 12 centimetri di lunghezza in più rispetto alla GLK garantiscono più spazio nell’abitacolo (ci si sta anche in cinque senza particolari problemi) e nel bagagliaio (che cresce di 80 litri, ma non è così ben sfruttabile per via della ridotta altezza). La progettazione recente e l’ampio uso di leggero alluminio per meccanica e carrozzeria ha consentito di ridurre il peso dell’auto di 80 kg, tanto che il 2.1 biturbodiesel, pur con “soli” 170 cavalli, riesce a garantire prestazioni brillanti e consumi contenuti. Lo aiuta il nuovo e valido cambio automatico con ben nove marce: la prima corta è utile in fuori strada (dove l’auto si comporta abbastanza bene), mentre la nona extra-lunga è ok in autostrada. Lo sterzo a rapporto variabile (diventa più diretto nelle curve strette, migliorando la maneggevolezza) è preciso e piuttosto leggero e la tenuta di strada apprezzabile. Non ricca la dotazione in rapporto al prezzo: si pagano a parte il navigatore e i sensori di distanza (molto utili, data la visibilità posteriore scarsa). Di serie, comunque ci sono i cerchi in lega di 17”, il cruise control, l’assistenza a distanza Sos Connect me e sette airbag, oltre agli avvisi per scarsa distanza di sicurezza ed eccessiva stanchezza del guidatore. A proposito di sicurezza: la Mercedes GLC si è fatta onore nei test Euro NCAP. Oltre a raggiungere le cinque stelle, si è comportata particolarmente bene nei test della protezione del guidatore, dei bambini e del pedone.

Descrizione

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mercedes GLC 220”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *